Nuovo ordine sociale e mondiale
nuovo ordine sociale - 27/05/2020 - CDA

Per rinascere, come società e civiltà, è necessario comprendere ciò che accade ed è accaduto negli ultimi secoli, in particolare il progetto di un potere oscuro e minaccioso, che profondamente odia l'umanità e desidera cambiare l’antropologia umana, fino ad adesso basata sulle leggi della natura umana e sul disegno divino (per chi è credente).

Questo progetto non nasce oggi, ma probabilmente è stato concepito da almeno un secolo o più; infatti in un romanzo, pubblicato negli anni '30 del secolo scorso, il Nuovo Mondo di Aldous Huxley, nonché in molti discorsi e affermazioni del suo autore e di altre personalità importanti, ne troviamo traccia.

In tutti questi anni hanno lavorato in sordina, asservendo per realizzare il progetto tutto quel che era possibile: persone, istituzioni civili, politiche, scientifiche, sociali, sia locali e sia internazionali, mass-media.

Hanno agito forti delle notevoli conoscenze (riservate e mai divulgate) acquisite nel campo della psicologia, sull’inconscio individuale e collettivo, sul comportamento delle masse.

Attraverso il cinema, la tv e la narrativa hanno tentato di distruggere i valori tradizionali alla base della civiltà occidentale, quei valori che ne hanno reso possibile lo sviluppo e la grandezza, e presentando tutto questo come progresso ed emancipazione.
Hanno sovvenzionato gruppi prima minoritari, nell’ambito delle società, per dividere o sostenere assurde rivendicazioni.
Sovvenzionato inoltre colpi di stato e finte rivoluzioni allo scopo di far cadere governi indesiderati e sostituirli con altri favorevoli.
Diffuso false conoscenze scientifiche, per avvalorare idee assurde, come il gender, e diffondere l’ateismo (perché è più facile dominare chi non crede a nulla), o un nuovo misticismo basato su sostituzione di archetipi comuni al genere umano: la colpa, quella di nascere, di essere bianchi, di essere etero, il debito, diventato quello pubblico, il peccato, quello di dissentire, pensare, essere critici,  la fatalità, il volere dei mercati.

Il progetto prevede, da quel che si conosce, una società distopica, basata su un nuovo ordine sociale, in cui l’uomo sia devirilizzato ed effeminato, mentre la donna mascolinizzata, secondo l'idea che rendendo "gli uomini mezze donne e le donne mezze uomini si governa meglio il mondo".

In questo senso il gender e il femminismo, che negano le differenze di genere, sono strumenti di questo potere malvagio per raggiungere questi obiettivi.

Il primo passo è stata la sistematica distruzione del padre, senza del quale non si sarebbe potuto agire.

A questo si è giunti dopo circa 50 anni di propaganda, che, attraverso la tv, la stampa, il cinema, la narrativa, ha concorso a dare un'immagine del padre [naturale] nel migliore dei casi oppressore e nel peggiore mostro, abusante e assassino.
Nell’immaginario che si tenta di costruire il padre è colui che uccide la compagna e abusa dei figli!

Papà, sei un mostro!

Inutile dire che il padre naturale è l’opposto, mentre è noto che sono spesso adulti non correlati, per motivi sociobiologici, ad abusare dei figli che la compagna ha avuto con partner diversi.

Distruggere la figura del padre naturale equivale a produrre una falla interiore sull’essere umano su cui poter lavorare, per plasmare quell’essere monade, senza radici e identità, privo di legge interiore (che solo i padri possono donare), suddito perfetto del Nuovo mondo.

Il prossimo passo sarà la distruzione della famiglia naturale (probabilmente alla fine di ogni tipo di famiglia - non s'illudano alcuni di essere privilegiati dal potere - sono solo miseramente usati) e di leggi che ad esempio disincentivino la critica e la denuncia.

Seguirà la diffusione del pansessualismo, in cui ogni forma di sessualità sarà ammessa, anche la pedofilia, la diffusione di droghe, del gender, della produzione di bambini mediante utero in affitto o utero artificiale.



Possiamo combatterli con la nostra umanità, da non confondere con il loro ipocrita restiamo umana, che serve a nascondere i loro obiettivi criminosi.
Possiamo combatterli con la verità contrapposta alla loro ipocrisia.

Per Open Democracy è tempo di passare alla fase 2, l'abolizione della famiglia