Cosa c'è da sapere sul “Cashback”
politica e società - 10/12/2020 - Antonietta Gianola

Cosa c'è da sapere sul “Cashback” 

Sarebbero, al momento, sette i milioni gli italiani che avrebbero scaricato la app per partecipare al cashback degli scontrini con annessa Lotteria di Stato. Questa alzata d’ingegno, a detta dei politici, servirebbe per rilanciare i consumi. Invece...

Per tutti gli acquisti fatti con bancomat o carta di credito dall’8 al 31 dicembre sarà valutato il 10% della spesa come cashback per un totale massimo di 150.00€, cifra che verrà riaccreditata a febbraio.
Occorre sapere però, che il rimborso massimo è di 15.00€ a transazione: che si spenda 1500.00€ o 150.00€ il rimborso sarà sempre 15.00€ (in caso di una spesa da 1500.00€ quindi non sarà quindi il 10% ma l’1%).
Questa “opportunità” non vale per gli acquisti on-line, e anche alcune carte di credito non valgono e per accedere al programma servirà fare minimo 10 acquisti. Il che si traduce che per ottenere i famosi 150.00€ massimi di bonifico, servirà spendere 1500.00€ in dieci transazioni da 150.00€ l’una.
Sapendo queste cose si esclude che gli italiani spenderanno 1500.00€ in dieci operazioni per fare regali.
E' più facile che il cashback verrà speso nei supermercati per fare la spesa. Ma queste operazioni ingrasseranno solo le casse delle banche, la maggioranza delle quali, per ogni transazione preleveranno minimo 2.00€ di commissioni, intascando 20.00€ ad italiano, e le casse dei grandi gruppi di distribuzione organizzata che fatturano diverse centinaia di milioni di euro ogni anno. 

Dal 1 gennaio a chi avrà fatto almeno 50 transazioni con bancomat riconosceranno un ulteriore 10%, per un massimo di 300.00€ (compresi i 150.00€ di dicembre). Con 50 transazioni bancomat avrete speso certamente 100.00€. Per farvene rimborsare 50.00 netti. Cioè una media di 0.1 centesimo di euro al giorno. Chi avrà ingrassato di più le banche potrà poi partecipare alla Lotteria degli Scontrini. Vincendo 1500€.

Infine serve sapere che per adeguare le casse al cashback il negozio deve sostenere una spesa non detraibile compresa tra i 100€ ed i 350€. E il negozio riceve il pagamento dopo 7 giorni dalla transazione. In quei sette giorni le banche guadagnano con la valuta virtuale e gli interessi al capitale. Perciò per non passare per fessi meglio prelevare al bancomat e pagare con i contanti.