Oms e Fmi, soldi occulti per instaurare lockdown
nuovo ordine sociale - 24/01/2021 - CDA

Nicola Bizzi è uno storico e scrittore, noto ultimamente per aver accusato l'OMS e il FMI (Organizzazione Mondiale della Sanità e Fondo Monetario Internazionale) di aver tentato di corrompere gli stati, con finanziamenti occulti, per costringerli ad adottare lockdown i più restrittivi possibili.

In alcuni paesi, più rispettosi della democrazia e della legalità, tale operazione non ha avuto successo, in altri come l'Italia l'impresa è riuscita pienamente.

Secondo Bizzi l'esecutivo Conte è "totalmente eterodiretto da forze e poteri molto pericolosi che hanno messo in scena un vero e proprio colpo di Stato globale, finalizzato alla progressiva riduzione e cancellazione della democrazia, della libertà e dei diritti civili, alla repressione di qualsiasi dissenso e all’instaurazione di una dittatura mondiale tecnocratico-sanitaria che definire di stampo orwelliano sarebbe un complimento".
Una delle prove dei tentativi di corruzione è offerta da due dichiarazioni del presidente bielorusso Aljaksandr Lukashenko, contrario al lockdown e al distanziamento sociale, in cui dichiara in Parlamento di aver ricevuto un'offerta di 92 milioni di dollari da parte dell’OMS, per instaurare un lockdown simile a quello imposto in Italia. Al rifiuto avrebbe inoltre ricevuto una nuova offerta, questa volta da parte del FMI, di ben 940 milioni di dollari.
Questo spiegherebbe, sostiene Bizzi, spiega perché il presidente bielorusso sia stato demonizzato dalla comunità internazionale e accusato di brogli elettorali, nell'ambito della nuova finta rivoluzione colorata nel suo paese tesa a deporlo.

Bizzi ha recentemente pubblicato un libro dove sostiene la tesi del complotto globale per distruggere la libertà e la democrazia, dal titolo Operazione Corna.
Lo scopo della quarantena sarebbe quella di comprimere l'economia e in particolare il settore terziario.


Il video.

Voce fuori campo: “offrono sostegni in tema di credito internazionale, offrono aiuto alla Biellorussia ma vogliono qualcosa in cambio“.

Lukashenko: “Offrono adesso alla Bielorussia 940 milioni di dollari di finanziamento. Noi non vogliamo aiuto, perché poi cominciano a dire a noi che per il coronavirus dobbiamo fare come l’Italia. Io non voglio che in Bielorussia succeda come in Italia. Noi abbiamo il nostro Paese e gestiamo la nostra situazione. Auguro a noi stessi che finiamo come è andata fino ad ora. Il Fondo Monetario Internazionale è già pronto a dare dieci volte in più rispetto a quanto ci aveva offerto all’inizio del covid per farci chiudere. L’Unione Europea dice che dobbiamo chiudere tutto per covid, e io mi chiedo che stupidaggini dicano“.

 

Video di Nicola Bizzi, tratto da un'intervista a Byoblu: