Asia Argento contro tutti
femminismo - 16/02/2021 - Antonietta Gianola

Una chiave di lettura diversa da parte della nostra Antonietta Gianola, che vede nello scontro durante la trasmissione Non è l'Arena di La7, tra Asia Argento e Massimo Giletti, due modi diversi di porsi di fronte alla vita: uno responsabile, conscio dei pericoli in cui si può andare incontro e l'altro disinvolto, spregiudicato, volubile, capriccioso.
Vale per tutti, uomini e donne: Non è vero che nella vita puoi fare ciò che vuoi in modo irresponsabile. Quando frequenti posti ambigui, in cui circola droga, alcool devi tenere conto dei rischi. Il sistema oggi coccola le donne e le tratta come bambine capricciose, invece che come persone responsabili. L'idea che posso denunciare un uomo perché dopo mi sono pentita è la dimostrazione di ciò. La follia dell'ideologia femminista che insiste nel presentare l'uomo come il male e la donna vittima produce i fenomeni cui assistiamo.

Di Giulietta Gianola:
Una reazione esagerata quella avuta da Asia Argento l’altra sera: l’attrice ha pesantemente contestato Pietro Senaldi direttore di Libero durante la puntata tv Non è l'Arena in onda su La7.
I due erano presenti in studio con altri invitati, ospiti di Massimo Giletti, per commentare il caso Genovese.
Mentre il direttore del quotidiano illustrava al pubblico la sua posizione sul rischio che corrono le donne che frequentano ambienti che possono essere definiti pericolosi per la presenza di droga gratuita e accessibile e le occasioni di sesso senza regole, è stato più volte ridicolizzato e interrotto fino appunto ad essere zittito dalla signora Asia Argento.
Dopo diversi “scambi” ad un certo punto lei ha urlato: "Devi stare zitto! Hai rotto le palle, ti meno! Ti metto il tacco in bocca come in un film di Dario Argento" intimidazione che ha costretto la controparte ad interrompere il confronto.
Senaldi ha replica: "Tu sei una donna violenta", e lei ha risposto: “Si lo sono”. Uno spettacolo triste e che a parti inverse non sarebbe mai potuto accadere.

Con la sua posizione Senaldi ha dimostrato di voler proteggere le donne dicendo la verità in quanto padre, fratello, marito e amico che mette in guardia consigliando di non frequentare certi giri che mettono a rischio la vita, la salute e la dignità della persona.

Debolissima su più fronti la posizione di Asia: prima riprende il conduttore Giletti, che aveva definito il vizio della droga, insano, dichiarando: “su, lo sappiamo che tutti i ragazzi ne fanno uso, non facciamo gli ipocriti”.
Poi, dal momento che “non siamo più nel medioevo” di sentirsi libere di fare tutto ma allo stesso tempo di poter dire di no se cambiano idea pretendendo di fermare la giostra a loro piacimento.
Il problema che sfugge ad Asia e anche agli altri invitati della serata è che quella sta libertà associata a droga alcool e sesso estremo nasconde almeno un problema sul quale le donne devono essere informate ed avvisate. Il pericolo non è l’uomo infoiato ma la commistione dei tre fattori che non consente né alla donna né all'uomo, di mantenere il controllo della situazione che potrebbe degenerare.
Richiamare le donne ad una maggiore consapevolezza significa perciò a regolare e a limitare la loro promiscuità.
Fenomeno in crescita che porta con sé rischi documentati da dati come il pericolo di contrarre malattie sessualmente trasmissibili; di diventare madri single; di abortire, di essere inclini alla depressione e una volta trovato un compagno di non essere nella condizione psicologica di rimanere fedele.

 

 

Commenta con VK

Commenta con Facebook