Indagine conoscitiva sulla violenza verso il maschile
femminismo - 19/04/2021 - CDA

Sono ormai molti gli studi o le statistiche nel mondo occidentale che demoliscono lo stereotipo donna-vittima e uomo-carnefice, nonostante il sistema faccia di tutto per alimentarlo.

Uno di questi studi, una “Indagine conoscitiva sulla violenza verso il maschile”, è stato realizzato dalla psicologa forense Sara Pezzuolo, la quale commenta il suo lavoro: “Dal questionario emerge come anche un soggetto di genere femminile sia in grado di mettere in atto una gamma estesa di violenze psichiche, sessuali e psicologiche che trasformano il soggetto di genere maschile in vittima”.

Come le altre, anche questa ricerca dimostra come la violenza, fisica o psicologica, viene esercitata da ambo i sessi contro l'altro in misura pressoché uguale, contrariamente alla narrazione dei mass-media o femminista, e spesso con la medesima efferatezza (per colpire si possono non solo usare le mani nude, ma oggetti contundenti, coltelli, armi da fuoco, etc.).

Il problema della violenza sugli uomini da parte delle compagne non viene percepito in tutta la sua gravità per problemi sia culturali e sia ideologici. I mass-media inoltre mostrano un solo aspetto di tale violenza, quello che colpisce le donne, creando una percezione falsa del fenomeno. Tale percezione è socialmente deleteria, perché si traduce in pregiudizi e stereotipi verso l'uomo, in una propaganda che addirittura considera la mascolinità come tossica, in leggi che finiscono per aggravare il fenomeno, in investimenti e finanziamenti inutili e sbagliati che hanno il solo scopo di ingrassare il portafoglio di alcuni, generando business redditizi.

Un aspetto sottovalutato è la violenza psicologica usata dalle compagne e che spesso riguarda la paternità e strumentalizza i figli. Secondo la psicologa forense Sara Pezzuolo: Il 68,4% del “gentil sesso” minaccia costantemente il compagno di chiedere la separazione, togliergli casa e risorse e di ridurlo in rovina; il 58,2% lo minaccia di portargli via i figli mentre il 59,4% di ostacolare i contatti con il proprio figli. Il 43,8% delle donne addirittura minaccia il compagno di impedirgli definitivamente ogni contatto con i figli.

Il 2,7% delle donne, secondo l'indagine, tenta di attribuire al proprio partner la paternità di un figlio avuto con un uomo diverso.