Eccesso di mortalità in Eropa?
bioetica - 17/01/2022 - CDA

Alcuni mettono pure in dubbio che esista una pandemia in corso.
Per accertarsene basterebbe verificare i dati, ma anche questo pare essere complicatissimo. 
Oltre l'ISTAT esiste un'organizzazione che pubblica dati sulla mortalità e da essa abbiamo tratto alcune tabelle.
Il punto fondamentale non è se esiste una pandemia, ma se essa è tale da giustificare il panico sul popolo da parte dei media, leggi e provvedimenti restrittivi, come il green pass, e obblighi vaccinali.
In realtà se così fosse non sarebbe necessario neppure fornire dati, perché in genere le pandemie hanno effetti così evidenti e disastrosi sulla collettività a causa dell'evento naturale in sé da non essere assolutamente necessario convincere la gente.
E' noto inoltre che periodicamente alcune epidemie di influenza in alcuni anni provocano un notevole aumento di mortalità e dei ricoverati in terapia intensiva, il che provoca problemi dati i tagli alla sanità pubblica operati costantemente  negli ultimi anni.
Un esempio, dopo l'epidemia della Spagnola nel 1918, la cosiddetta Asiatica negli anni '50 e la Spaziale che tra il
1968-1969 causò 20 mila decessi in Italia e si conta  un milione nel resto del mondo.
I giornali dell'epoca dimostrano, a differenza di oggi, che la vita continuava normalmente, senza particolare allarmismo o limitazioni della libertà dei cittadini.
Il grafico in questione si riferisce alla mortalità in 29 paesi europei (Austria, Belgio, Germania, Italia, Regno Unito...) e sostanzialmente dimostra un picchio di mortalità superiore agli anni precedenti solo intorno a marzo-aprile del 2020, il resto è nella media (questo dato è stato messo già in evidenza dai dati sulla mortalità diffusi dall'ISTAT e che noi abbiamo pubblicato).
Tale eccesso tuttavia da diversi analisti non è stato considerato eccessivo o tale da giustificare alcuni provvedimenti.
Notiamo che ogni anno nei mesi invernali più freddi (gennaio-febbraio) esiste un eccesso di mortalità che si riduce gradualmente con l'arrivo della primavera.
Nei grafici per fasce di età non si rivela alcun aumento di mortalità per i bambini e le persone molto giovani (vedere grafico completo.

Mortalità in Italia negli anni 2016-2021.



Grafico completo per fasce di età (click per espandere).